Pitture rupestri patrimonio dell’umanità

Fra Lesotho e Sudafrica si erge la suggestiva catena dei monti Drakensberg, lunga circa 100 km. In quest’area si susseguono riserve e parchi nazionali, come il Royal Natal, celebre per le spettacolari pareti rocciose e per il lungo salto della cascata Tugela (alta circa 850 metri).

peace parks pitture rupestriInclusa nel Parco transfrontaliero Maloti-Drakensberg, questa zona è famosa per i suoi paesaggi, caratterizzati da gole profonde, grotte, vette alte e frastagliate, macchie di fitta foresta. La riserva faunistica di Giant’s Castle, popolata da antilopi oltre che da una numerosa avifauna (gipeti, cicogne, gru del paradiso), un tempo era abitata dai popoli San. Le loro tracce sono ancora visibili entrando nelle grotte, dove si possono ammirare bellissimi graffiti rupestri.

Questo museo naturale di antiche pitture, nel 2000, è stato inserito dall’Unesco nella lista del Patrimonio dell’Umanità. Una scelta doverosa, che permette di proteggere una regione montagnosa in cui vi è la più alta concentrazione di pitture rupestri dell’Africa sub-sahariana. Si contano 600 siti archeologici dove si susseguono ben 40mila immagini su roccia dipinte dal popolo San nel corso di 4000 anni.

Grazie a questi dipinti si possono ricomporre le usanze e il livello culturale dei San, nonché la storia della loro lunga dominazione in un territorio difficile e impervio. Le loro capacità artistiche erano notevoli. Dalle immagini sulle rocce si comprende come fossero attenti osservatori della natura loro circostante.

Dominano in particolare le raffigurazioni di animali, come l’elano, antilope che ancora oggi popola queste cime. I Drakensberg non sono una meta “facile”, soprattutto se si vuole conoscere il loro volto più autentico e selvaggio, fatto di sorgenti ad alta quota, anfratti, cascate spumeggianti, torrenti di montagna e distese verdi in cui scorrazzano lontre, caracal (felide di media taglia) e gnu dallo coda bianca.

La zona, oltre a essere luogo prediletto di avvoltoi, aquile e delle cicogne nere, che migrano qui solo durante l’inverno dell’emisfero boreale, è ricchissima dal punto di vista botanico: si contano quasi 2200 specie di piante, tra cui splendide orchidee.

SMA, via Borghero 4 - 16148 Genova - info(at)missioni-africane.it - Web Design & CMS RossiWebDesign/Siti Web Genova